La clave nella salsa

La clave nella salsa

“SIN CLAVE NO HAI SALSA”, questa frase da sola basterebbe a sottolineare l'importanza della clave nella salsa e in altre musiche caraibiche in genere. Ma cos'è la clave???

Sono due bastoncini di forma cilindrica, fatti di legno molto duro, uno dei quali può essere di maggiori dimensioni e scavato all'interno in modo da ottenere più volume e una sonorità più brillante.

Percossi fra loro (con abilità) danno vita a una figura ritmica chiamata anche lei clave che può avere due direzioni:

clave 2/3 o clave 3/2, detta anche “clave rovescia” ( anche se molti non conoscono questa seconda direzione pensando e affermando che “ballare in clave” significa ballare solamente sull' “2”, non sapendo che “ballare in clave” significa anche ballare sull' “1”, ma fortunatamente è una piccola minoranza).

 

CLAVE 2/3

4/4   |      1       2      3      4     |     5      6      7      8      |

                 X     X                  X          X         X

CLAVE 3/2

  4/4   |      1       2      3      4     |     5      6     7      8      |

   X          X         X                 X     X

X = Battito della clave

 

Tutti i musicisti mentre suonano “salsa” pensano, interpretano e improvvisano in funzione della clave. Alcuni esempi possono essere “la cascara” (figura ritmica suonata con la bacchetta sul fusto del timbal), o la CAMPANA, che in certi punti del brano, suonano figure ritmiche che fanno capire bene la direzione della clave e comunque tutta la ritmica e la melodia del brano fanno intuire la clave (anche a brano già iniziato…). Esistono inoltre altre figure ritmiche della clave ad esempio la

clave di rumba e la clave brasiliana. Entrambe si possono ritrovare in alcuni frangenti o interi brani del genere salsero.

Quella di rumba fa ritardare di ½ battito il terzo colpo dei 3, mentre quella brasiliana fa ritardare di ½ battito il secondo colpo dei 2.

Altro strumento importantissimo è la CONGA , che suona tipicamente un colpo secco (“pa”) al “2” e al “6” e due colpi profondi (“cum cum”) al “4e” ed all' “8e”.